One Response to “Riordino Province, la nota di Alfonsino Grillo”

  1. fortunato prenestini ha detto:

    Quasi tutto vero quello che dice Grillo.
    E’vero, e’contraddittorio per il Governo che alcune province rimangano ancora in predicato.
    Sbaglia pero’, quando non da’ alcun accenno al fatto che Vibo ha 480 “””” lavoratori “””” al postosto di 240 e Crotone 400, buona parte in sovranumero.
    Le province andrebbero tutte abolite, perche’, allo stato, son enti privi di funzioni e centri di sperpero di danaro pubblico, nonche’ di “” ammanchi “” di milioni di euro.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.