2 Responses to “Conservare il passato e creare il futuro”

  1. Antonio da Montepulciano ha detto:

    Ho provato grande emozione nel leggere la riflessioe del mio maestro e amico professore Saverio Di Bella. Emozione fortemente partecipata da altri amici e compagni, con i quali ho condiviso la lettura. Emozione che nasce dalla mia convizione che spazi e luoghi, come una chiesa di un piccolo paese, possono produrre. Emozione che si leva nel vedere rinascere un simbolo sacro, un luogo di storia e di eventi e non per ultimo di socializzazione. Una nuova costruzione che contiene e mantiene in sè la sempre viva atmosfera di devozione e di pietà popolare espressa dalla fede.

  2. Pasquale Rizzo ha detto:

    Approfitto di questo spazio per tributare a Saverio, “il Professore Di Bella”, del quale mi onoro essere stato allievo di scuola e soprattutto allievo di vita, la mia riconoscenza per gli insegnamenti che mi ha dato.
    Saverio, ha saputo creare negli anni 70 una fucina umana, capace di entusiasmare moltissimi giovani creando così nuove coscienze. Egli ha trasfuso in noi, piccoli esseri in tutti i sensi, che ci affacciavamo alla vita il desiderio di crescere.
    E così molti noi, compreso il sottoscritto, inconsapevolmente ci siamo abbeverati alla fonte della sua smisurata cultura, che il “Professore” dispensava con generosità.
    Mi sento per l’appunto, forgiato, trasfuso, e profondamente formato dai sui insegnamenti, e oggi, come allora, leggendo le sue parole mi si risveglia l’entusiasmo, perché riesco a sentire lo spessore di un grande uomo che riesce ad esprimere e trasmettere valori anche con gli spazi vuoti tra le parole scritte.
    Grazie Saverio
    Pasquale Rizzo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.