7 Responses to “Campo Sant’Angelo, lavori fermi: per quale motivo?”

  1. Cosmo Vallone ha detto:

    A me interesserebbe, da consigliere comunale, occuparmi di questa e altre vicende, ma trovo inaccettabile, vergognoso e umiliante che il sottoscritto, per visionare qualunque documento, debba presentarsi con la richiesta scritta, mentre tutti gli altri consiglieri possono consultare liberamente e senza intermediari qualsiasi cosa come, dove e quando gli pare. A Drapia il regolamento di accesso agli atti non vale per tutti…

    • Viviana Mazzocca ha detto:

      Mario, come sempre sei puntuale. anche io mi sono chiesta come mai i lavori siano stati sospesi. una prima idea era legata ai giorni di maltempo, poi, vedendo un bel sole e non scorgendo neanche l’ombra di un operaio o di un mezzo di lavoro, i dubbi sono cresciuti. sarebbe il caso che venisse spiegata la cosa. a prescindere da ciò, credo che anche io tratterò l’argomento in un articolo. quanto all’affermazione di Cosmo, che saluto, questa mi sembra molto grave e, se fosse reale come credo che sia, sarebbe lesiva degli aspetti più elementari della democrazia. anche su questo sarebbe bene ottenere un chiarimento.

  2. stefania rombola ha detto:

    Questo atteggiamento ostruzionista fa male alla comunità tutta e non è certo sinonimo di democrazia, civiltà e cultura.

  3. Giuseppe ha detto:

    COSMO SONO CON TE LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI O NO? CASOMAI GLI FAI UNA CARTA SCRITTA E LA APPICCICHI AL COMUNE CON QUESTA MIA COMUNICAZIONE IO SIGNOR VALLONE COSMO NONCHE’ CONSIGLIERE COMUNALE DI QUESTO COMUNE, FACCIO RICHIESTA PER TUTTI I DOCUMENTI E GLI ATTI COMUNALI CHE CHIEDO DI CONSULTARE

    F.TO COSMO VALLONE

    N.B. Questa è una battuta non la prendete poi se vuole fare così Cosmo fatti suoi. Per correttezza quello che spetta agli altri consiglieri spetta anche a Cosmo Vallone mi consenta come direbbe il Cavaliere Berlusconi.

  4. Giuseppe ha detto:

    Che intervenga la Regione sul campo sportivo o che lo compri il Comune

  5. Associazione "Drapia in Europa" ha detto:

    Un’attenta lettura della sentenza C.d.S. n. 6963/2010 potrebbe riuscire di giovamento sia al consigliere Vallone, infondendogli maggior fiducia nel pretendere il rispetto di prerogative che direttamente la legge riconnette all’ufficio di Consigliere comunale, sia ai soggetti asseritamente renitenti al dovere di ostensione dei documenti richiesti, inducendoli a maggior prudenza nel porre in essere comportamenti di rifiuto, o anche semplicemente dilatori, palesemente illegittimi e possibile fonte di responsabilità sotto diversi profili.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.