5 Responses to “Brattirò, il paese della cultura”

  1. stefania rombola ha detto:

    innorgoglisce il fatto che la nostra progenia abbia sventolato sempre il vessillo della loro onestà morale ed intellettuale; a noi la rsponsabilità di mantenere alto il livello culturale del paese.

  2. Antonio ha detto:

    Caro Mario è il secondo articolo nel quale citi la mia azienda e se per il primo son stato zitto per il secondo non intendo fare altrettanto. Mi sembra che io e te non abbiamo mai avuto a che fare anzi non so neanche com’ è la tua voce e nonostante questo continui a punzecchiarmi con i tuoi articoli sempre se si posono definire tali visto che in alcuni l’ Italiano non sembra esser tale. fatto sta che internet non mi sembra il mezzo adatto per discuterne e siccome sono a Bologna rinvierei questa allegra chiacchierata per Aprile, quando torno al “paesello”. In ogni caso il mio indirizzo mail è XXXXXXX e il cel XXXXXX. A preso grande giornalista

    • thothsas ha detto:

      Gent.mo Rossi, grazie anzitutto per avermi chiamato “grande giornalista”.
      Non so se tu mi conosci, ma io non ti conosco di sicuro, non mi ricordo neppure la tua faccia e non so con quale autorità giudichi il mio italiano (il tuo italiano,ad ogni modo, non mi sembra “brillante”).
      Quanto a quelle che tu chiami “punzecchiature”, per me sono opinioni e nessuno mi può impedire di esprimerle.
      Io non ho niente contro la tua azienda, non ho mai offeso nessuno e non ho niente da chiarire.
      Se quello che scrivo non ti piace puoi evitare di leggerlo, ma non puoi certo pensare di potermelo impedire.
      Grazie.
      Saluti

      MarioVallone

  3. Francesco ha detto:

    ….dopo il commento del signor Rossi, l’onesta’ morale e soprattutto intellettuale della nostra comunita’ penso abbia avuto una infelice frenata…

    w comunque il caro “paesello” con e senza laureati e/0 pseudo-imprenditori(!!!!)..
    tipo il signor Rossi….

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.